L’aveva promesso in campagna elettorale, ed è stato di parola: in 24 ore Matteo Renzi ha fatto fuori la dirigenza dell’ATAF, l’azienda di trasporti fiorentina.

Stamani la notizia era su tutti i giornali: Renzi ha ottenuto le dimissioni della Capezzuoli (ex sindaco di Impruneta) e ha convinto Filippo Allegra , giunto da Roma per la modica cifra di 250.000 euro l’anno, a rinunciare al suo posto.

Il nuovo presidente, Filippo Bonaccorsi, un avvocato di 40 anni, avrà uno stipendio “olivettiano”, che sia al massimo 10 volte quello di un dipendente ATAF (in media 17.000 € l’anno).

Non male!

Certo il problema Ataf rimane, ora c’è da trattare con i lavoratori che hanno scioperato pesantemente negli ultimi tempi, ma aver rimosso uno dei motivi di maggior malcontento in azienda è sicuramente una mossa positiva (oltre ad aver ridotto i costi dell’azienda eliminando il signor stipendio dell’ex presidente).

Bravo Matteo continua così…
Ah in questa “manovra” è stato aiutato dal neo assessore Falchetti, ex AD di Dada….

Annunci